Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Con D.P.R. del 18 gennaio 2018 il Presidente della Repubblica ha decretato l’accoglimento del ricorso straordinario proposto da una docente contro la non ammissione alle prove orali della procedura concorsuale per il reclutamento di Dirigenti Scolastici bandita dal MIUR con D.D.G. del 13 luglio 2011, patrocinato dall’Avv. Marco Masi in collaborazione con l’Avv. Maria Cristina Fabbretti.

Tale annullamento è stato disposto in quanto la commissione di concorso aveva modificato le modalità di correzione delle prove senza nulla esplicitare al riguardo.

Il Consiglio di Stato, in sede di parere vincolante, ha statuito che: “in assenza di una idonea motivazione sul punto, quindi, non trova giustificazione la scelta dell’Amministrazione di correggere gli elaborati dei partecipanti con modalità tra loro differenziate, decisione che ha comportato una disparità di trattamento tra i medesimi partecipanti ed una conseguente violazione del generale principio della par condicio competitorum che, viceversa, richiede che i concorrenti siano valutati con modalità uniformi tra loro”.

Pertanto, il giudizio di non ammissione alla prova orale della ricorrente è stato annullato per illogicità, contraddittorietà e disparità di trattamento, in quanto la Commissione esaminatrice avrebbe “cambiato le modalità di correzione degli elaborati”, provvedendo a correggere in maniera disgiunta gli elaborati dei primi concorrenti esaminati e in maniera congiunta le prove svolte dai restanti candidati.

Tale modalità di correzione degli elaborati dei candidati costituisce una palese violazione del principio generale della par condicio fra concorrenti e, pertanto, è stato disposto l’annullamento in parte qua del verbale recante la correzione delle prove scritte della ricorrente.

Ora spetterà all’Amministrazione adottare gli atti necessari per procedere ad una nuova correzione, con modalità disgiunta, degli elaborati della ricorrente, garantendo l’anonimato delle prove.

Tale pronuncia risulta di fondamentale importanza per i componenti delle commissioni esaminatrici che dovranno presto insediarsi per valutare i candidati che parteciperanno alla selezione in corso bandita dal MIUR.

Avv. Maria Cristina Fabbretti 

Cerca nel sito
News
Riforma Gelmini Orario Giurisprudenza scuola 2014 Sostegno Procedimento giurisdizionale Giurisprudenza scuola 2009 Cessazione dal servizio Comportamento antisindacale Procedimento amministrativo Normativa scuola 2011 Concorsi Giurisprudenza scuola 2016 CONTRIBUTI Sicurezza Normativa scuola 2013 Supplenze Graduatorie Giurisprudenza scuola 2012 Iscrizione Giurisprudenza scuola 2015 Responsabilità Organico Assunzione Contratti Permessi e assenze Normativa scuola 2015 Scrutini Normativa scuola 2010 Retribuzione Normativa scuola 2012 Procedimento disciplinare Dirigenti scolastici TFA Valutazione Legge 104 Precariato NEWS Giurisprudenza scuola 2010 Mobilità Religione cattolica Normativa scuola 2009 Normativa scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2013 Incompatibilità Giurisprudenza scuola 2017 Giurisprudenza scuola 2018 Disabili Esame di Stato Contrattazione
Tribunale di Napoli Cisl Scuola Avv. Giuseppe Versace Avv. Francesco Americo Reiterazione contratti Tar Molise Funzione Pubblica Tar Lombardia INPS Avv. Giovanni Rinaldi MIUR Avv. Giuseppe Policaro ATA Avv. Elena Spina Avv. Walter Miceli Avv. Marco Cini Tribunale di Brindisi Tribunale di Modica Tribunale di Milano CNPI Corte Costituzionale Tar Sicilia Tribunale di Lecce Governo Gilda Unams UIL Scuola Avv. Maria Rosaria Altieri Avv. Francesco Orecchioni Avv. Isetta Barsanti Mauceri Tribunale di Trani Anief Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Tribunale di Roma Tribunale di Torino Avv. Angelo Tuozzo Consiglio di Stato Giurisdizione Tar Campania Katjuscia Pitino FLC-CGIL Sindacato SAB Leggi Corte dei Conti Accesso Tar Calabria Corte di Cassazione Parlamento Tar Lazio Tar Toscana Tar Puglia