Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Il Consiglio di Stato ordina al MIUR di procedere con il riconoscimento del titolo di abilitazione conseguito in Spagna

 

Il Consiglio di Stato, con l’Ordinanza n. 4709 pubblicata il 30.10.2017, ha accolto il reclamo cautelare proposto dallo Studio Legale Naso & Partners avverso la nota ministeriale n. 2179 del 17.03.2017.

Con la predetta nota il MIUR, modificando i criteri previsti in precedenza, aveva subordinato il riconoscimento dell’abilitazione conseguita in Spagna alla richiesta dell’ulteriore requisito del superamento del concorso pubblico per l’insegnamento in Spagna, o almeno di una parte dello stesso, o in alternativa richiedeva l’iscrizione nelle graduatorie straordinarie di professori supplenti delle Comunità autonome spagnole.

Secondo i predetti docenti abilitati in Spagna e difesi dall’Avv. Naso, tale nota ministeriale risultava palesemente illegittima perché frutto di un’erronea traduzione della documentazione inviata dal Ministero spagnolo, ove la laurea, unitamente al master, tuttora abilitano all’insegnamento nella scuola secondaria.

Tale erronea interpretazione del MIUR aveva dunque determinato un illegittimo blocco alle domande di riconoscimento del titolo per i docenti abilitati in Spagna.

Il Consiglio di Stato, accogliendo integralmente le argomentazioni proposte dallo Studio legale Naso, ha così ingiunto al MIUR di “utilizzare le modalità di riconoscimento delle quali ha fatto applicazione fino alla predetta nota del 20-03-2017”.

La predetta Ordinanza del Consiglio di Stato rappresenta dunque una grande vittoria per i ricorrenti abilitati in Spagna in quanto è la prima pronuncia favorevole – a livello nazionale – espressa dal Giudice amministrativo.

Si confida ora che anche il TAR del Lazio, che si pronuncerà a breve con sentenza, vorrà finalmente annullare la predetta nota ministeriale, essendo questa una dura battaglia legale, portata avanti dall’avvocato Domenico Naso, per tutelare i diritti dei docenti abilitati in Spagna contro un’arbitraria e illegittima interpretazione del MIUR della normativa spagnola.

Avv. Domenico Naso

Cerca nel sito
News
Mobilità Normativa scuola 2015 TFA Normativa scuola 2010 Giurisprudenza scuola 2012 Giurisprudenza scuola 2009 Valutazione Precariato Normativa scuola 2012 Giurisprudenza scuola 2010 Giurisprudenza scuola 2013 Scrutini Giurisprudenza scuola 2015 Sicurezza Disabili Riforma Gelmini Contrattazione Giurisprudenza scuola 2011 Iscrizione Assunzione Cessazione dal servizio Normativa scuola 2013 Legge 104 Normativa scuola 2014 Orario Organico Esame di Stato Procedimento disciplinare Sostegno Giurisprudenza scuola 2018 Procedimento amministrativo Concorsi Incompatibilità Permessi e assenze Responsabilità Graduatorie Supplenze Dirigenti scolastici Normativa scuola 2011 Comportamento antisindacale Giurisprudenza scuola 2016 Normativa scuola 2009 CONTRIBUTI Religione cattolica Contratti Giurisprudenza scuola 2017 Giurisprudenza scuola 2014 NEWS Retribuzione Procedimento giurisdizionale
ATA Giurisdizione Tar Molise Avv. Giovanni Rinaldi Avv. Angelo Tuozzo FLC-CGIL Gilda Unams Tribunale di Modica Tar Calabria Tribunale di Roma Tribunale di Torino Accesso Avv. Francesco Americo Tribunale di Brindisi Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Tar Toscana Katjuscia Pitino Leggi INPS Governo Tar Sicilia Corte di Cassazione Consiglio di Stato CNPI Avv. Giuseppe Policaro Tribunale di Milano Tar Lazio Tribunale di Napoli Tribunale di Lecce Avv. Elena Spina Cisl Scuola Avv. Maria Rosaria Altieri MIUR Tar Campania Sindacato SAB Tar Puglia Corte Costituzionale Tribunale di Trani UIL Scuola Avv. Isetta Barsanti Mauceri Avv. Pietro Siviglia Anief Corte dei Conti Parlamento Reiterazione contratti Tar Lombardia Avv. Marco Cini Avv. Giuseppe Versace Funzione Pubblica Avv. Francesco Orecchioni