Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per il Personale Scolastico


Prot.  A00DPER n. 2320

Roma,  29 marzo 2012

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Oggetto: Attuali classi di concorso su cui confluiscono le discipline relative ai primi tre anni di corso degli istituti di secondo grado interessati al riordino.

Anche per l’a.s. 2012/2013 in assenza del regolamento relativo alla revisione delle classi di concorso, previsto dall’art. 64 della legge n. 133 del 2008 si rende necessario in sede di costituzione degli organici e per le conseguenti operazioni di mobilità, far riferimento alle attuali classi di concorso, opportunamente integrate e modificate con le discipline e gli ambiti disciplinari relativi agli ordinamenti del primo, secondo e terzo anno di corso degli istituti di secondo grado.

Al fine di consentire, nell’attuale fase transitoria, ai dirigenti scolastici e al personale interessato di avere contezza delle modalità di confluenza, si allegano le relative tabelle, modificate e integrate come sopra indicato, relative alle classi prime, seconde e terze degli istituti di secondo grado, alle quali si applicherà la riforma. Si allegano altresì le tabelle, con indicate le classi di concorso da utilizzare, relative alle Opzioni dei percorsi degli istituti tecnici e professionali di cui alla nota n. 233 del 26 gennaio 2012.

Come già fatto presente nel decorso anno, le tabelle di confluenza hanno natura solo dichiarativa dell’esistente. Gli insegnamenti che trovano confluenza in più classi di concorso del pregresso ordinamento devono essere trattati come insegnamenti “atipici” la cui assegnazione alle classi di concorso deve prioritariamente mirare a salvaguardare la titolarità dei docenti presenti nell’istituzione scolastica, la ottimale determinazione delle cattedre e la continuità didattica. Ovviamente nella scelta della classe di concorso dovrà farsi riferimento all’indirizzo presente nella scuola.

In presenza, nella scuola, di più di un titolare di insegnamenti “atipici”, si darà la precedenza a coloro che, in relazione al numero dei posti, risulteranno collocati con il maggior punteggio nella graduatoria di istituto unificata incrociando la varie graduatorie, nel rispetto delle precedenze di cui all’art. 7 del Ccni sulla mobilità. In assenza di titolari da “salvaguardare” l’attribuzione dovrà avvenire prioritariamente, previa intesa con l’Ufficio scolastico territoriale, scegliendo le classi di concorso in esubero a livello provinciale.

In mancanza delle citate situazioni, il dirigente scolastico, d’intesa con l’Ufficio scolastico territoriale, e sulla base del parere del collegio dei docenti, provvederà ad attribuire la classe di concorso in coerenza con il Pof, assicurando una equilibrata distribuzione dei posti alla classi di concorso al fine di venire incontro alle aspettative dei docenti inclusi nelle graduatorie ad esaurimento, evitando di assegnare tutte le ore ad una classe di concorso a discapito di altre (a mero titolo di esempio, si segnala quanto verificatosi nel decorso anno per le ore di lingua e letterature italiana, lingua e cultura latina, storia e geografia del primo biennio del liceo classico sono state assegnate generalmente alla 51/A a discapito della 52/A, con la conseguenza che solo in limitati gli abilitati della 52/A hanno avuto la possibilità di essere chiamati per le supplenze annuali).

Per l’articolazione “calzatura e moda” in attesa della definizione della nuova classe di concorso gli insegnamento di Tecnologie dei materiali e dei processi produttivi e organizzativi della moda e ideazione, progettazione e industrializzazione dei prodotti moda, in via transitoria, sono da riferirsi alla 68/A e alla 70/A. Analogamente anche per l’insegnamento di “logistica” dell’indirizzo “trasporti e logistica” per le articolazioni si è fatto riferimento alle seguenti classi di concorso 1/A, 14/A, 15/A, 20/A, 53/A, 55/A e 56/A (costruzioni del mezzo), 1/A, 14/A, 15/A, 53/A, 55/A, 56/A (conduzioni del mezzo) e 14/A, 53/A, 55/A e 56/A (logistica).

Qualora in alcuni istituti o sperimentazioni siano presenti titolari di classi di concorso non prospettate dal sistema informativo come classi atipiche, i dirigenti scolastici, al fine di evitare la creazione di posizioni di soprannumero, segnaleranno la particolare situazione ai referenti provinciali in materia di organici, che provvederanno alla rettifica manuale al Sistema informativo, anche operando sulla quota riservata all’autonomia.

IL DIRETTORE GENERALE
Luciano Chiappetta

 

Allegati: Tabelle

Cerca nel sito
News
Procedimento giurisdizionale Permessi e assenze Mobilità Riforma Gelmini Dirigenti scolastici Normativa scuola 2012 Giurisprudenza scuola 2017 Cessazione dal servizio Orario Contrattazione Giurisprudenza scuola 2016 Giurisprudenza scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2012 Disabili Assunzione Incompatibilità Valutazione Normativa scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2018 Comportamento antisindacale CONTRIBUTI Organico Religione cattolica NEWS Responsabilità Normativa scuola 2015 Normativa scuola 2013 Procedimento disciplinare Sostegno Graduatorie Sicurezza Concorsi TFA Procedimento amministrativo Normativa scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2010 Iscrizione Normativa scuola 2009 Normativa scuola 2010 Giurisprudenza scuola 2009 Legge 104 Contratti Supplenze Giurisprudenza scuola 2015 Retribuzione Esame di Stato Giurisprudenza scuola 2013 Precariato Scrutini
Tar Molise Avv. Angelo Tuozzo Avv. Elena Spina INPS Tar Sicilia ATA Avv. Pietro Siviglia Cisl Scuola Avv. Francesco Orecchioni Tar Toscana Parlamento Corte Costituzionale Avv. Giuseppe Versace Corte di Cassazione UIL Scuola Tar Lombardia MIUR Corte dei Conti Leggi Avv. Marco Cini Tribunale di Torino Avv. Isetta Barsanti Mauceri Tribunale di Modica Giurisdizione Tribunale di Napoli Funzione Pubblica Avv. Francesco Americo Tar Lazio Tar Puglia Sindacato SAB Tribunale di Lecce Consiglio di Stato Anief Tribunale di Brindisi Avv. Maria Rosaria Altieri Tribunale di Milano Avv. Giuseppe Policaro Reiterazione contratti Tar Campania Avv. Giovanni Rinaldi Gilda Unams Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Accesso Katjuscia Pitino Tar Calabria FLC-CGIL Tribunale di Roma Tribunale di Trani Governo CNPI