Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Confermato il diritto al reinserimento in graduatoria a favore dei docenti che avevano omesso di presentare la domanda di permanenza, anche dalla Suprema Corte di Cassazione.

Con una sentenza decisiva a dirimere ogni questione, la Corte di Cassazione, n. 28250, sezione Lavoro, in data 27 novembre, ha ritenuto illegittima la previsione del mancato reinserimento nella graduatoria per l’aspirante docente, cancellato dalla medesima per via della omessa presentazione della domanda di permanenza.

La sentenza pone fine, si spera, al proliferare di sentenze discordi, sull’argomento, da parte di quei giudici del lavoro che hanno sempre confuso il reinserimento con l’inserimento in graduatoria.

La giurisprudenza amministrativa, invece, ormai pacifica, da anni, ha comunque ora trovato conferma anche sulla base della decisione dell’Adunanza Plenaria che con la discussa decisione sui diplomati magistrali, la n. 11 del 20.12.2017, in tema di reinserimento in GAE, ha affermato: “È evidente, infatti, la differenza esistenza tra la posizione di chi, già inserito nella graduatoria (e per effetto di tale inserimento titolare di un affidamento meritevole di tutela), viene cancellato perché omette di presentare domanda di conferma e la posizione di chi non ha mai presentato una domanda di inserimento in graduatoria. Ai primi è la stessa legge a consentire la presentazione di una domanda di reinserimento, con espressa previsione della possibilità di recuperare il punteggio maturato all’atto della cancellazione (articolo 1, comma 1-bis del decreto legge n. 97/2004). Nessuna disposizione legislativa può invece legittimare la presentazione di una domanda di inserimento tardiva, non potendosi, del resto, in questo caso configurare alcun affidamento meritevole di tutela in capo a chi non ha mai nemmeno chiesto di essere inserito.”

Si auspica che l’Amministrazione scolastica, anche in vista del prossimo rinnovo delle GAE, consenta a coloro che sono stati illegittimamente depennati di essere reinseriti definitivamente.

Avv. Isetta Barsanti Mauceri

Cerca nel sito
News
Giurisprudenza scuola 2015 Giurisprudenza scuola 2017 Giurisprudenza scuola 2012 Riforma Gelmini Graduatorie Comportamento antisindacale CONTRIBUTI Esame di Stato Giurisprudenza scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2013 Concorsi Responsabilità Normativa scuola 2013 Giurisprudenza scuola 2016 Normativa scuola 2016 Giurisprudenza scuola 2010 Normativa scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2009 Religione cattolica Mobilità Contrattazione Normativa scuola 2014 Legge 104 Procedimento amministrativo Supplenze Sostegno Permessi e assenze Contratti Giurisprudenza scuola 2011 TFA Normativa scuola 2012 Normativa scuola 2010 Bilancio Retribuzione Dirigenti scolastici Procedimento giurisdizionale Disabili Assunzione Iscrizione Normativa scuola 2009 Scrutini Procedimento disciplinare Normativa scuola 2015 Valutazione Incompatibilità Sicurezza Cessazione dal servizio Precariato NEWS Organico
Tar Toscana FLC-CGIL Avv. Francesco Orecchioni Avv. Giuseppe Policaro Avv. Marco Cini Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Leggi Corte di Cassazione INPS MIUR Gilda Unams Avv. Maria Rosaria Altieri Tribunale di Brindisi Accesso Corte dei Conti Giurisdizione Governo Tribunale di Torino Avv. Walter Miceli Anief Avv. Antonio De Crescenzo Avv. Elena Spina Consiglio di Stato ATA Tar Molise Katjuscia Pitino Tar Lombardia Tar Lazio Sindacato SAB Tar Campania Tribunale di Roma Tar Puglia Tribunale di Napoli Parlamento CNPI Cisl Scuola Tribunale di Milano Reiterazione contratti Avv. Giuseppe Versace Tar Calabria Tribunale di Modica Avv. Isetta Barsanti Mauceri Corte Costituzionale UIL Scuola Tribunale di Trani Funzione Pubblica Avv. Angelo Tuozzo Tar Sicilia Avv. Francesco Americo Avv. Giovanni Rinaldi