Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Comunicato stampa Aran

Aran e Organizzazioni sindacali hanno firmato questa mattina l’Ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro per quasi 1.200.000 dipendenti appartenenti al comparto Istruzione e ricerca, nel quale sono confluiti i precedenti comparti  Scuola, Enti di ricerca, Università, Accademie e Conservatori.

Il nuovo contratto si riferisce agli anni 2016, 2017 e 2018 e riconosce aumenti da 84 a 111 euro mensili in coerenza con l’Intesa del 30 novembre 2016 tra Governo e Organizzazioni sindacali, anche grazie alla previsione di un apposito elemento perequativo, che interessa soprattutto le qualifiche iniziali.

Il personale interessato riceverà in busta paga gli arretrati e gli incrementi stipendiali al termine dell’iter procedurale di controllo del testo contrattuale.

L’intesa siglata è costituita da una “parte comune” contenente le disposizioni applicabili a tutto il personale del comparto e da “specifiche sezioni” riferite ai singoli settori. L’ Ipotesi in esame interviene su molti aspetti del rapporto di lavoro (relazioni sindacali, assenze, permessi, codici disciplinari, rapporti di lavoro flessibile), anche al fine di aggiornare alcune parti della precedente disciplina, superata dalle norme di legge vigenti e, comunque, non più attuale.

In materia di relazioni sindacali, il contratto definisce nuove regole semplificate che,  nel rispetto dei distinti ruoli dei datori di lavoro e delle organizzazioni sindacali, valorizzano gli istituti della partecipazione sindacale. Vengono anche aggiornate le materie attribuite alla contrattazione integrativa, con l’obiettivo di chiarirne il contenuto e la portata.

Sotto il profilo normativo, è stata elaborata una nuova disciplina per alcuni istituti del rapporto di lavoro  tra cui quelli, del tutto nuovi, previsti per l’effettuazione di  visite specialistiche ed esami diagnostici. Di particolare rilevanza, è, inoltre,  l’introduzione della disciplina delle ferie solidali, che consente ai dipendenti con figli minori in gravi condizioni di salute, che necessitino di una particolare assistenza, di poter utilizzare le ferie cedute da altri lavoratori. Altre novità rilevanti riguardano le tutele introdotte per le donne vittime di violenza le quali, oltre al riconoscimento di appositi congedi retribuiti, potranno avvalersi anche di una speciale aspettativa.

Il nuovo contratto collettivo, in attuazione della Riforma Madia, ha operato una revisione del codice disciplinare dei dipendenti pubblici. Alla luce delle recenti modifiche legislative, è stato individuato un nuovo meccanismo per l’attribuzione degli incentivi economici al personale, che ha l’obiettivo di riconoscere premi aggiuntivi a coloro che abbiano ottenuto le valutazioni più elevate.

Riguardo alle specifiche discipline di settore, nel settore Scuola è stata data molta importanza all’esigenza di  garantire il principio della continuità didattica. Infatti viene prevista la permanenza dei docenti per almeno tre anni nella istituzione scolastica di titolarità, come previsto dalla legge n. 107 del 2015. Ciò andrà a vantaggio delle studentesse e degli studenti, che potranno contare sulla presenza, per più anni, dello stesso insegnante.

Per gli Enti di ricerca si confermano le forti specificità già riconosciute dal decreto legislativo n. 218 del 2016 per il ruolo e per l’importanza che rivestono i ricercatori e tecnologi per la crescita e l’evoluzione del sistema Paese. Sono introdotti meccanismi per conseguire una maggiore flessibilità del Fondo per le progressioni economiche del personale.

Per le Università, sono previste alcune misure per i dipendenti in servizio nelle Aziende ospedaliere ed una nuova disciplina organica in materia di Fondi destinati al salario accessorio.

Per il personale delle Accademie e dei conservatori, viene stabilito che il ruolo di professore di seconda fascia divenga ad esaurimento, traguardando un modello che dovrà realizzare un graduale passaggio verso la prima fascia.

9/2/2018

Cerca nel sito
News
Permessi e assenze Giurisprudenza scuola 2011 Contratti Retribuzione Normativa scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2012 Contrattazione Riforma Gelmini Giurisprudenza scuola 2010 Normativa scuola 2013 Graduatorie Giurisprudenza scuola 2018 Giurisprudenza scuola 2013 Procedimento amministrativo NEWS Procedimento disciplinare Normativa scuola 2012 Iscrizione Assunzione Precariato Normativa scuola 2010 Giurisprudenza scuola 2014 Dirigenti scolastici Giurisprudenza scuola 2015 Comportamento antisindacale Cessazione dal servizio Normativa scuola 2015 Procedimento giurisdizionale Valutazione Esame di Stato Giurisprudenza scuola 2017 TFA Incompatibilità Mobilità Scrutini Sostegno Concorsi Orario Organico Normativa scuola 2009 CONTRIBUTI Legge 104 Giurisprudenza scuola 2016 Giurisprudenza scuola 2009 Sicurezza Disabili Normativa scuola 2014 Responsabilità Supplenze Religione cattolica
FLC-CGIL Avv. Giovanni Rinaldi Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Gilda Unams Governo Tribunale di Potenza Cisl Scuola Tar Calabria Tar Lombardia Tar Puglia Tribunale di Modica Corte Costituzionale Tribunale di Brindisi Avv. Giuseppe Policaro Avv. Angelo Tuozzo Avv. Maria Rosaria Altieri Tar Campania Accesso Avv. Elena Spina Tribunale di Napoli Avv. Pietro Siviglia Parlamento MIUR ATA Reiterazione contratti Avv. Isetta Barsanti Mauceri Anief Avv. Francesco Orecchioni Tar Sicilia Consiglio di Stato Katjuscia Pitino Corte dei Conti Tribunale di Trani Avv. Marco Cini Tribunale di Lecce CNPI Avv. Giuseppe Versace Leggi Tar Molise Tribunale di Torino Tribunale di Milano INPS Tar Lazio Sindacato SAB Funzione Pubblica Corte di Cassazione Avv. Francesco Americo Tar Toscana Giurisdizione UIL Scuola