Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Ancora una pronuncia in materia di mobilità straordinaria. Il criterio meritocratico ed il periculum

 

Ordinanza di accoglimento totale n. 3794/2017 del 21.06.2017 del Tribunale del Lavoro di Barcellona P.G.

L’allegata pronuncia, oltre a confermare l’ormai consolidato orientamento relativo alla interpretazione della normativa di settore (O.M. n. 241/2016, l’allegato 1, art. 6 del CCNI del 08/04/2016 ed art. 98 della L. n. 107/2015) alla stregua del criterio meritocratico e, quindi, privilegiando il punteggio maturato dal docente per ciascuna delle preferenze espresse, risulta particolarmente interessante poiché ordina alle amministrazioni convenute, per quanto di rispettiva competenza, di assegnare il docente in una delle sedi disponibili nell’ambito dei movimenti dell’a.s. 2016/2017 in cui è risultato illegittimamente pretermesso.

Ciò comporta che l’ambito territoriale non potrà opporre all’esecuzione dell’ordinanza la mancanza “attuale” della sede illegittimamente pretermessa alla docente in quanto oggi occupata da altro insegnante, ma dovrà necessariamente inserirla nel novero del corpo docenti.

Appurato, infatti, l’errore da parte dell’amministrazione scolastica (ossia il trasferimento nella sede prescelta di insegnante con punteggio inferiore e senza precedenza) l’insegnante danneggiato dovrà essere necessariamente trasferito proprio nell’ambito per il quale aveva diritto al trasferimento.

La pronuncia, inoltre, appare interessante sotto altro aspetto relativo all’attualità del periculum.

Il Giudicante, infatti, accogliendo l’istanza cautelare presentata nel corso di giudizio ordinario in prossimità dello scadere dell’assegnazione provvisoria cui beneficiava l’insegnante, aderisce all’interpretazione del ricorrente e ritiene sussistente il danno, sebbene non attuale, (consistente nell’ingiusto allontanamento dal nucleo familiare), secondo un giudizio prognostico, stante il permanere di una situazione antigiuridica che, allo scadere dell’assegnazione provvisoria, tornerebbe ad essere grave, attuale e non ristorabile.

Avv. Biagio Parmaliana

 

Cerca nel sito
News
Normativa scuola 2012 Dirigenti scolastici Contrattazione Giurisprudenza scuola 2015 Comportamento antisindacale Normativa scuola 2009 Giurisprudenza scuola 2016 Organico Giurisprudenza scuola 2009 Contratti Procedimento disciplinare Normativa scuola 2010 Religione cattolica Sicurezza Procedimento amministrativo Esame di Stato Supplenze Cessazione dal servizio TFA Normativa scuola 2014 Sostegno Giurisprudenza scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2012 Normativa scuola 2013 Mobilità Concorsi Giurisprudenza scuola 2013 CONTRIBUTI Iscrizione Normativa scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2017 Giurisprudenza scuola 2010 Scrutini NEWS Normativa scuola 2015 Normativa scuola 2016 Legge 104 Assunzione Precariato Incompatibilità Permessi e assenze Riforma Gelmini Valutazione Bilancio Retribuzione Disabili Graduatorie Responsabilità Giurisprudenza scuola 2014 Procedimento giurisdizionale
Corte Costituzionale Tribunale di Trani INPS Tribunale di Lecce FLC-CGIL Avv. Marco Cini Tar Toscana Avv. Giuseppe Versace Tribunale di Milano Corte di Cassazione ATA Governo Avv. Walter Miceli Tribunale di Brindisi Avv. Francesco Americo Tar Lazio Consiglio di Stato MIUR Tribunale di Roma Funzione Pubblica Sindacato SAB Tar Lombardia Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Leggi Avv. Giuseppe Policaro Tar Puglia Gilda Unams Avv. Isetta Barsanti Mauceri Avv. Giovanni Rinaldi Tar Sicilia Parlamento Giurisdizione Cisl Scuola Corte dei Conti Tribunale di Modica Anief Avv. Elena Spina Avv. Angelo Tuozzo Tribunale di Napoli Avv. Maria Rosaria Altieri Tar Calabria Reiterazione contratti Tribunale di Torino Avv. Francesco Orecchioni Katjuscia Pitino CNPI Accesso Tar Molise Tar Campania UIL Scuola