Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Tribunale di Cassino – Sentenza del 26.06.2017

***

Reinserimento Graduatorie ad Esaurimento: il reinserimento non è un nuovo inserimento, ma il ripristino di una nuova situazione di fatto già esistente.

***

Il Tribunale di Cassino, con sentenza n. 566 del 26/06/2017 ha accolto il ricorso patrocinato dall’Avv. Maria Rosaria Altieri diretto ad ottenere il reinserimento nelle Graduatorie ad Esaurimento della provincia di Latina a decorrere dalla data di pubblicazione delle Graduatorie per le quali la docente aveva presentato domanda cartacea di reinserimento, poi non accolta (quindi sin dall’agosto del 2014).

Il Giudice, dott.ssa Di Cristinzi, prende in esame la disposizione dell’art. 1, comma 1 bis, L. 143/20014 che consente il reinserimento dei docenti nelle GaE a domanda dell’interessato, ritenendo tuttavia che la cancellazione ivi prevista sia soltanto provvisoria. Ciò in quanto, se è vero che la L n. 296/2006 ha trasformato le graduatorie permanenti in graduatorie ad esaurimento, è altrettanto vero che ha previsto delle “eccezioni alla blindadura” per gli aspiranti inseriti in un percorso formativo garantendone l’inserimento nella medesima graduatoria, in applicazione del principio dell’affidamento.

Orbene, il Giudicante non ha ritenuto plausibile un’interpretazione della norma secondo cui il legislatore avrebbe deciso di tutelare coloro che non vantavano ancora alcun diritto soggettivo all’iscrizione (non essendo ancora in possesso del titolo) ma non anche coloro che tale diritto vantavano, in virtù di un’espressa previsione legislativa. E il silenzio del legislatore su una fattispecie già regolata dalla legge, ritiene il Tribunale, non può essere interpretato come abrogazione della norma, quanto piuttosto come volontà di conservare la disciplina previgente.

In tal senso il comma 605, art. 1, della Legge finanziaria 2007 ha escluso solamente i nuovi ingressi e non è applicabile i reinserimenti di chi nella graduatoria era presente da tempo. Si tratta di istituti diversi. Il reinserimento non è un nuovo inserimento. Non a caso, il reinserimento viene disposto sulla base del punteggio maturato all’atto della cancellazione. Per cui è evidente che non si tratta di un inserimento ex novo, ma del ripristino di una situazione già esistente.

Avv. Maria Rosaria Altieri

Cerca nel sito
News
NEWS Permessi e assenze Legge 104 Incompatibilità Contrattazione Normativa scuola 2009 Iscrizione Disabili Procedimento disciplinare Bilancio Comportamento antisindacale Esame di Stato Mobilità Normativa scuola 2015 Supplenze Valutazione Giurisprudenza scuola 2014 Dirigenti scolastici Normativa scuola 2016 Assunzione Sicurezza Giurisprudenza scuola 2011 Normativa scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2013 Normativa scuola 2010 Riforma Gelmini Scrutini Religione cattolica Giurisprudenza scuola 2009 Normativa scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2017 Normativa scuola 2012 Graduatorie Retribuzione Organico TFA Giurisprudenza scuola 2015 Giurisprudenza scuola 2016 Concorsi Giurisprudenza scuola 2010 Giurisprudenza scuola 2012 Normativa scuola 2013 Sostegno Contratti Precariato Cessazione dal servizio Procedimento giurisdizionale Procedimento amministrativo CONTRIBUTI Responsabilità
Tribunale di Brindisi Avv. Francesco Americo Tar Calabria Sindacato SAB Tar Puglia Corte di Cassazione Reiterazione contratti Avv. Giuseppe Versace Giurisdizione Anief Avv. Angelo Tuozzo Tribunale di Milano Corte dei Conti FLC-CGIL Tribunale di Napoli Tar Lombardia Cisl Scuola Avv. Walter Miceli Parlamento Avv. Giuseppe Policaro Ministero del Lavoro UIL Scuola Avv. Giovanni Rinaldi Funzione Pubblica Accesso Tar Toscana Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Gilda Unams Tar Molise Consiglio di Stato Tribunale di Modica Governo ATA Avv. Isetta Barsanti Mauceri Tribunale di Trani Avv. Marco Cini CNPI Corte Costituzionale Tar Sicilia Avv. Francesco Orecchioni Katjuscia Pitino MIUR Avv. Antonio De Crescenzo Tribunale di Potenza Leggi Tar Lazio Avv. Elena Spina Tribunale di Torino Tar Campania INPS