Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

I docenti della fase D non possono scavalcare i docenti della fase C. Obbligo del MIUR di tener conto delle preferenze espresse dai docenti

 

Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Como, Dott. Giovanni Luca Ortore, con ordinanza del 28 novembre 2016, riconoscendo le ragioni del ricorrente rappresentato dall’Avv. Giovanni Bufano, ha sospeso l’efficacia dell’assegnazione del docente assegnato d’Ufficio, senza averlo mai richiesto, all’ambito territoriale Lombardia n 0012.

In particolare,  nel corso del  giudizio si è dimostrato che altro insegnante, “pur partecipando alla fase D della mobilità – che, in base all’art 6 co 2 CCNI mobilità, avrebbe dovuto svolgersi solo dopo l’esaurimento della precedente fase C (trasferimento su tutti i posti disponibili degli ambiti nazionali) e quindi, assegnare solo gli ambiti territoriali nazionali rimasti disponibili, perché non scelti dagli insegnanti che avevano partecipato alle precedenti fasi – ha ottenuto l’ambito territoriale Puglia 0014, indicato anche dalla ricorrente al n. 21 delle sue preferenze territoriali, alla quale è stato invece assegnato, di ufficio, l’ambito territoriale Lombardia n 0012, da lei non richiesto, in contrasto con il disposto degli artt 2 e 6 CCNI 8/4/2016, che impongono di tener conto delle preferenze espresse dai docenti che partecipano alla fase precedente, prima di passare all’esame di quelle richieste, dai docenti che partecipano alla fase successiva”.

Su tali basi il Giudice ha ordinato al MIUR di riesaminare la domanda di assegnazione degli ambiti territoriali nazionali, “nel rispetto del criterio dell’attribuzione dei posti richiesti dai docenti che partecipano alla fase C con priorità rispetto alla richiesta dei partecipanti alla successiva fase D, che pertanto, non possono scavalcarli” e ciò “seguendo il punteggio e l’ordine di preferenza espresso, in relazione alle distinte fasi C e D in cui si articola la procedura”.

Taranto 28.11.2016

Avv. Giovanni Bufano

Cerca nel sito
News
Giurisprudenza scuola 2009 Valutazione Comportamento antisindacale Procedimento amministrativo Giurisprudenza scuola 2010 Legge 104 Cessazione dal servizio Retribuzione Giurisprudenza scuola 2012 Normativa scuola 2011 Contratti Responsabilità Procedimento giurisdizionale Giurisprudenza scuola 2015 Riforma Gelmini Supplenze Normativa scuola 2014 Scrutini Precariato Religione cattolica Giurisprudenza scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2013 Procedimento disciplinare Esame di Stato Mobilità Sicurezza Contrattazione Incompatibilità Normativa scuola 2012 Assunzione Normativa scuola 2016 Disabili CONTRIBUTI Permessi e assenze Normativa scuola 2009 Normativa scuola 2010 Normativa scuola 2013 Iscrizione Giurisprudenza scuola 2014 NEWS Concorsi Graduatorie Normativa scuola 2015 Bilancio Sostegno Dirigenti scolastici Organico Giurisprudenza scuola 2016 Giurisprudenza scuola 2017 TFA
Avv. Angelo Tuozzo Cisl Scuola Tribunale di Torino Gilda Unams Avv. Giuseppe Versace Avv. Marco Cini Tribunale di Potenza Tar Toscana Tar Molise Avv. Elena Spina Anief Corte di Cassazione Funzione Pubblica Avv. Walter Miceli Avv. Giovanni Rinaldi Tar Calabria Tar Campania FLC-CGIL Tar Lazio Sindacato SAB Tar Puglia CNPI Corte Costituzionale Katjuscia Pitino Tribunale di Trani Corte dei Conti Tribunale di Milano Giurisdizione ATA Avv. Francesco Orecchioni Parlamento Accesso Tar Sicilia Avv. Isetta Barsanti Mauceri Tribunale di Napoli Tribunale di Modica Avv. Giuseppe Policaro MIUR Governo INPS Avv. Francesco Americo UIL Scuola Tar Lombardia Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Tribunale di Brindisi Leggi Reiterazione contratti Ministero del Lavoro Consiglio di Stato Avv. Antonio De Crescenzo