Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Contrattazione di istituto sui demandi dell’art. 6 del CCNL – Rifiuto di trattare – Antisindacalità.

 

( Dispositivo di sentenza emesso dal Tribunale di Lucca in funzione di Giudice del Lavoro).

La vicenda trae origine dal rifiuto di un Dirigente Scolastico di trattare sulle materie che l’art. 6 del vigente CCNL demanda alla contrattazione di istituto. In particolare il D.S. si rifiutava di trattare sulle materie indicate dall’art. 6 lettere h), i) ed m) e rivendicava per sè il potere di decidere in ordine alla distribuzione del salario accessorio sulla base della disciplina e dei criteri introdotti dal D.Lgs 150/2009 (cd. ” decreto Brunetta”).

La ricostruzione del Dirigente era osteggiata dalla parte sindacale sia sulla base del rilevo che il D.Lgs 150/2009 non era, per lo meno in parte qua, immediatamente applicabile dovendosi attendere il rinnovo del CCNL (mai avvenuto poichè nel frattempo impedito con altro intervento legislativo), sia sulla base del rilievo che comunque le materie oggetto di demando non erano intaccate dalla disciplina legislativa sopravvenuta, che, anche ove effettivamente applicabile, non avrebbe ridotto il perimetro della contrattazione d’istituto.

A seguito del rifiuto di trattare le strutture locali di FLC Cgil, Cisl e Cobas Scuola ricorrevano al Tribunale con procedimento ex art. 28 l. 300/1970, ottenendo un decreto dichiarativo dell’antisindacalità del comportamento del dirigente (ritualmente corredato dall’ordine di rimuovere gli effetti della condotta antisindacale), sulla base del rilievo assorbente che vi era, nella medesima normativa, l’evidente volontà del legislatore di rimandare l’applicazione delle norme riguardanti la contrattazione d’istituto ad un momento successivo rispetto al rinnovo del CCNL e ritenendo tale rilievo assorbente, non scendeva all’analisi delle ulteriori questioni proposte dai ricorrenti.

Avverso tale decreto l’Amministrazione si è opposta, ma il Tribunale di Lucca ha ritenuto di confermare il dictum del decreto, condannando l’amministrazione ricorrente al pagamento delle spese di lite, come da dispositivo che, in attesa delle motivazioni si legge in allegato.

La questione è tutt’ora di attualità poichè, come è noto, non solo il CCNL non è ancora stato rinnovato, ma anzi qualcuno ipotizza che il blocco imposto dalla legge ai rinnovi verrà ulteriormente prorogato.

Avv. Pierfrancesco Petroni

Cerca nel sito
News
Procedimento amministrativo TFA Assunzione Precariato Giurisprudenza scuola 2016 Supplenze Normativa scuola 2011 Cessazione dal servizio Giurisprudenza scuola 2014 Religione cattolica Giurisprudenza scuola 2017 Normativa scuola 2009 Procedimento disciplinare Valutazione Normativa scuola 2010 Normativa scuola 2013 Procedimento giurisdizionale Sicurezza Giurisprudenza scuola 2013 Giurisprudenza scuola 2010 Comportamento antisindacale Normativa scuola 2014 Sostegno Graduatorie Organico Orario Dirigenti scolastici Iscrizione Giurisprudenza scuola 2012 Mobilità Responsabilità Contratti Giurisprudenza scuola 2011 Concorsi Giurisprudenza scuola 2015 Giurisprudenza scuola 2009 Scrutini Legge 104 Contrattazione Normativa scuola 2015 Incompatibilità Riforma Gelmini Normativa scuola 2012 Retribuzione Esame di Stato Disabili Giurisprudenza scuola 2018 CONTRIBUTI NEWS Permessi e assenze
Avv. Giuseppe Versace Avv. Maria Rosaria Altieri Tribunale di Modica Tribunale di Trani Anief Avv. Francesco Orecchioni Consiglio di Stato INPS Avv. Giovanni Rinaldi Corte di Cassazione Avv. Isetta Barsanti Mauceri Avv. Elena Spina Katjuscia Pitino Corte dei Conti Avv. Luigi Giuseppe Papaleo MIUR ATA Avv. Francesco Americo Tribunale di Torino Gilda Unams Accesso CNPI Reiterazione contratti UIL Scuola Tar Sicilia Cisl Scuola Tribunale di Lecce FLC-CGIL Avv. Walter Miceli Governo Funzione Pubblica Tribunale di Milano Avv. Angelo Tuozzo Parlamento Tribunale di Roma Giurisdizione Tribunale di Napoli Tar Lombardia Leggi Tar Molise Tar Lazio Avv. Giuseppe Policaro Tar Calabria Corte Costituzionale Tribunale di Brindisi Tar Campania Sindacato SAB Avv. Marco Cini Tar Puglia Tar Toscana