Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

In tema di passaggio di ruolo del personale docente, all’insegnante che passi dalla scuola elementare alla scuola secondaria di II grado, l’anzianità maturata nel ruolo di provenienza deve essere riconosciuta in misura integrale.

In tema di passaggio di grado, il Tribunale del Lavoro di Trani ha affermato il principio secondo cui al docente che transiti da un grado scolastico ad un altro, deve essere riconosciuto integralmente il servizio prestato nel ruolo di provenienza, tanto ai fini giuridici quanto a quelli economici, in ossequio a quanto pacificamente già statuito da precedente granitica giurisprudenza di merito e di legittimità.

In particolare, afferma il Giudice di prime cure, è necessario far proprio l’orientamento degli Ermellini che con nota sentenza a SS.UU. n. 9144 del 2016 si sono pronunciati in favore del riconoscimento integrale in luogo della c.d. “temporizzazione” dei servizi, adoperando dunque nella fattispecie una lettura estensiva della sentenza che, necessariamente, deve essere adeguata non solo al passaggio dalla materna alla scuola secondaria, bensì a tutti quei casi che coinvolgano docenti ai quali viene applicata la predetta “temporizzazione”, applicandolo anche al caso in esame di passaggio dalla scuola elementare alla scuola secondaria di II grado.

Con tale pronuncia, dunque, il Magistrato adito ha dichiarato il diritto di parte ricorrente a vedersi riconosciuto integralmente il servizio prestato presso la scuola elementare, condannando il Ministero convenuto alla ricostruzione della sua carriera e al pagamento delle differenze retributive in conseguenza maturate.

Tale sentenza, ennesimo capitolo di una annosa e ben nota vicenda, rappresenta la chiara illegittimità del contegno della p.a. che, in spregio di principi oramai consolidati, continua nell’applicazione del metodo della “temporizzazione” a tutti i casi assimilabili a quello in parola, nonostante le numerose censure di legittimità già pronunciate sul tema, con continuo ed enorme aggravio di inutili perdite erariali.

Avv. Alessandro De Martino

Cerca nel sito
News
TFA Religione cattolica Normativa scuola 2012 Procedimento giurisdizionale Supplenze Dirigenti scolastici Graduatorie Riforma Gelmini Sostegno Cessazione dal servizio Valutazione Normativa scuola 2009 Giurisprudenza scuola 2018 Giurisprudenza scuola 2015 Assunzione NEWS Legge 104 Giurisprudenza scuola 2012 Giurisprudenza scuola 2011 Esame di Stato Giurisprudenza scuola 2013 Giurisprudenza scuola 2010 Sicurezza Incompatibilità Precariato Concorsi Normativa scuola 2015 Iscrizione Procedimento disciplinare Contrattazione Retribuzione Comportamento antisindacale Normativa scuola 2011 Normativa scuola 2010 Contratti Normativa scuola 2013 Giurisprudenza scuola 2017 Procedimento amministrativo Giurisprudenza scuola 2016 Orario Permessi e assenze Normativa scuola 2014 Disabili Scrutini Organico Giurisprudenza scuola 2014 Mobilità Giurisprudenza scuola 2009 Responsabilità CONTRIBUTI
Tribunale di Napoli Tribunale di Torino Funzione Pubblica Tribunale di Trani Tribunale di Brindisi Tribunale di Potenza Tar Lombardia Avv. Francesco Americo INPS Avv. Giuseppe Versace ATA Tar Campania Gilda Unams Sindacato SAB Avv. Giovanni Rinaldi Avv. Maria Rosaria Altieri Giurisdizione Tar Calabria MIUR Cisl Scuola Avv. Elena Spina Corte di Cassazione Tar Sicilia Governo CNPI Katjuscia Pitino UIL Scuola Tar Toscana Tar Puglia Corte Costituzionale Accesso Tribunale di Lecce Tar Lazio Avv. Pietro Siviglia Avv. Isetta Barsanti Mauceri Parlamento Consiglio di Stato Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Tribunale di Modica Avv. Giuseppe Policaro FLC-CGIL Leggi Corte dei Conti Avv. Francesco Orecchioni Avv. Marco Cini Anief Avv. Angelo Tuozzo Tribunale di Milano Reiterazione contratti Tar Molise