Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Nell’ambito della mobilità interprovinciale il criterio del punteggio più alto prevale sull’ordine di preferenza inserito.

 

Bocciata anche dal Tribunale di Forlì la mobilità straordinaria per i docenti

Nuova bocciatura per la mobilità straordinaria interprovinciale dei docenti, prevista dalla legge 107/2015.

Questa volta ad esprimersi contro le scelte adottate dal MIUR è stato il Tribunale di Forlì che in due distinte sentenze (n. 210 e n. 211 del 12 luglio u.s.) ha accolto i ricorsi promossi da due insegnanti della scuola primaria che, da Terlizzi (in provincia di Bari), erano state assegnate all’ambito territoriale Emilia Romagna 7, a centinaia di chilometri da casa.

Il Giudice, dott. Luca Mascini, accogliendo in pieno le tesi sostenute dai legali delle ricorrenti e aderendo ad un orientamento giurisprudenziale che va sempre più consolidandosi, ha chiarito che il docente con il punteggio maggiore per uno specifico ambito territoriale prevale in ogni caso anche rispetto a coloro che, con un punteggio inferiore, avevano indicato quello stesso ambito territoriale a un posto più alto del loro ordine di preferenze e, inspiegabilmente, erano stati preferiti dal MIUR.

“Abbiamo accolto questa sentenza con grande soddisfazione – spiega l’Avv. Antonio Calvani – perché ripristina basilari principi di giustizia ed equità che il Ministero dell’Istruzione ha completamente ignorato nel dare applicazione a quanto previsto dalla normativa vigente in materia di mobilità straordinaria. E’ stato davvero sconcertante verificare l’approssimazione con cui il MIUR, violando anche molteplici norme in materia di procedimento amministrativo, ha gestito la fase operativa di questa mobilità, affidando all’ormai famigerato algoritmo le vite e i destini di migliaia di docenti, trasferiti a centinaia di chilometri dalle proprie case, dalle proprie famiglie, e dai propri affetti, in modo del tutto irrazionale. Ora i Giudici di merito, in tutta Italia, si stanno facendo carico di ripristinare la legittimità a dimostrazione di quanto sia opportuno ricorrere dinnanzi ai tribunali al fine di vedersi riconosciuti i propri diritti. Anche in vista delle nuove assegnazioni e della nuova procedura di mobilità che si sta svolgendo in queste settimane stiamo ricevendo segnalazioni di possibili errori e illegittimità che, ove ne ricorrano i presupposti, faremo valere in tutte le sedi opportune per tutelare i docenti interessati”.

Avv. Antonio Calvani

Cerca nel sito
News
Organico Giurisprudenza scuola 2015 Giurisprudenza scuola 2016 Normativa scuola 2009 Normativa scuola 2014 Esame di Stato Graduatorie Giurisprudenza scuola 2012 Supplenze Giurisprudenza scuola 2010 Procedimento amministrativo Giurisprudenza scuola 2013 Normativa scuola 2015 Valutazione Dirigenti scolastici Sostegno Giurisprudenza scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2009 Permessi e assenze Normativa scuola 2011 Cessazione dal servizio Religione cattolica Incompatibilità Retribuzione Concorsi Precariato NEWS Responsabilità Scrutini Normativa scuola 2012 Mobilità Contrattazione Normativa scuola 2010 Bilancio Sicurezza Iscrizione Comportamento antisindacale Contratti Assunzione Procedimento giurisdizionale Legge 104 Disabili TFA CONTRIBUTI Riforma Gelmini Procedimento disciplinare Normativa scuola 2016 Giurisprudenza scuola 2011 Giurisprudenza scuola 2017 Normativa scuola 2013
Reiterazione contratti Tribunale di Napoli Tar Molise Giurisdizione Gilda Unams Avv. Marco Cini Avv. Giovanni Rinaldi Avv. Francesco Orecchioni Tar Campania Tar Calabria Accesso Avv. Walter Miceli Avv. Giuseppe Policaro Parlamento INPS Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Funzione Pubblica Avv. Antonio De Crescenzo MIUR ATA Anief Tribunale di Milano Tar Puglia Tribunale di Modica Katjuscia Pitino Avv. Francesco Americo Tribunale di Torino Avv. Maria Rosaria Altieri Tribunale di Trani Leggi Tribunale di Brindisi Corte dei Conti Tar Lombardia Avv. Giuseppe Versace Tar Toscana Avv. Angelo Tuozzo Tar Sicilia Tar Lazio Corte di Cassazione FLC-CGIL Avv. Elena Spina UIL Scuola Governo Consiglio di Stato Corte Costituzionale Sindacato SAB Tribunale di Roma Cisl Scuola CNPI Avv. Isetta Barsanti Mauceri