Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Docenti depennati dalle Graduatorie ad Esaurimento G.A.E. per mancato aggiornamento. I giudici: devono essere reinseriti.

Saranno reinserite nelle Graduatorie ad Esaurimento della Provincia di Napoli. Lo ha deciso il Tribunale di Napoli, Sezione Lavoro in una recentissima sentenza, con la quale il giudice partenopeo ha accolto il ricorso presentato da due docenti di Scuola Secondaria di II grado, depennate per non aver tempestivamente prodotto domanda di aggiornamento G.A.E. nei termini di cui al D.M. n. 44/2011,  condannando il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca a “reinserire le ricorrenti […] nella Graduatoria Provinciale della Provincia di Napoli per il triennio 2014/2017, con il medesimo punteggio posseduto all’atto della cancellazione”.

Il ricorso, patrocinato dall’Avvocato Daniele Graziano del Foro di Napoli, è stato accolto poiché il Giudice adito ha inteso riconoscere il diritto delle docenti ‘depennate’ al loro reinserimento nelle G.A.E. della provincia di Napoli, ritenendo ancora vigenti le previsioni normative di cui all’art. 1, comma 1 bis della Legge n. 143/2004, che consentono al docente che non ha presentato domanda di aggiornamento della propria posizione in graduatoria ed è, pertanto, risultato depennato, di poter esser reinserito al successivo aggiornamento, a seguito di presentazione di domanda di inclusione.

L’orientamento espresso dal Tribunale di Napoli nella sentenza citata – spiega l’Avvocato Graziano –  aderisce al favorevole avviso recentemente espresso in materia dalla Suprema Corte di Cassazione – Sezione Lavoro, la quale ha stabilito che, se da un lato la Legge n. 296/2006 ha inteso disporre la trasformazione delle Graduatorie Permanenti in Graduatorie ad esaurimento, dall’altro “…esula dalla norma qualsiasi intento di prefigurare l’esclusione dalle medesime – G.A.E. – quale conseguenza dell’omissione della presentazione della domanda di aggiornamento o conferma del punteggio […]”.

Il Tribunale ha, altresì, condannato il Ministero alla rifusione delle spese di giudizio.

Avv. Daniele Graziano

Cerca nel sito
News
Retribuzione Normativa scuola 2011 Normativa scuola 2009 CONTRIBUTI Giurisprudenza scuola 2009 Concorsi Giurisprudenza scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2011 Valutazione Normativa scuola 2015 Giurisprudenza scuola 2010 Organico Dirigenti scolastici Normativa scuola 2012 Legge 104 Procedimento giurisdizionale Giurisprudenza scuola 2012 Supplenze Iscrizione TFA Giurisprudenza scuola 2016 Comportamento antisindacale Permessi e assenze Contrattazione Graduatorie Cessazione dal servizio Normativa scuola 2013 Giurisprudenza scuola 2013 Giurisprudenza scuola 2017 Bilancio Assunzione Sicurezza Procedimento disciplinare Responsabilità NEWS Sostegno Mobilità Scrutini Giurisprudenza scuola 2015 Disabili Esame di Stato Procedimento amministrativo Contratti Normativa scuola 2016 Riforma Gelmini Religione cattolica Normativa scuola 2014 Incompatibilità Precariato Normativa scuola 2010
Avv. Walter Miceli Avv. Antonio De Crescenzo Tar Calabria Tar Toscana Katjuscia Pitino Leggi Sindacato SAB Corte dei Conti Avv. Giuseppe Policaro MIUR Giurisdizione Tribunale di Milano Tar Lazio Tar Sicilia ATA Anief Tribunale di Modica Avv. Isetta Barsanti Mauceri Avv. Giovanni Rinaldi CNPI Tar Puglia UIL Scuola Cisl Scuola Avv. Francesco Americo Accesso Corte Costituzionale Avv. Giuseppe Versace Tar Molise Avv. Elena Spina Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Tar Lombardia Gilda Unams Corte di Cassazione Reiterazione contratti Consiglio di Stato FLC-CGIL Funzione Pubblica Tribunale di Potenza Avv. Angelo Tuozzo Parlamento Tar Campania Tribunale di Brindisi Avv. Marco Cini Ministero del Lavoro Tribunale di Torino Tribunale di Trani Governo Tribunale di Napoli Avv. Francesco Orecchioni INPS