Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Illegittima la mobilità straordinaria.

Tribunale di Patti – Sentenza n. 1177-2017

Ancora una sconfitta per il MIUR giunge dal Tribunale del Lavoro di Patti, giudice dott. Fabio Licata, che, a conferma dell’ordinanza cautelare già emessa nel novembre scorso, pubblica un’esemplare sentenza che accoglie il ricorso patrocinato dall’avv. Santina Franco (foro di Patti).

La vicenda riguarda una docente di scuola primaria, immessa in ruolo nell’a.s. 2015/2016 ai sensi della legge n. 107/2015 in provincia di Messina ed assegnata per il periodo di formazione e prova presso l’I.C. di S. Stefano di Camastra, la quale, per effetto della mobilità obbligatoria per l’a.s. 2016/2017, è stata ingiustamente trasferita presso l’Ambito 006 Toscana.

Evidentemente i risultati della mobilità in questione, stante la suddivisione in fasi dei partecipanti, non hanno tenuto conto del corposo punteggio maturato dalla docente in oltre di 15 anni di servizio pre-ruolo nonché della precedenza a cui la medesima aveva diritto in qualità di coniuge di personale militare in servizio, determinandone così il trasferimento ad oltre 1000 Km da casa, addirittura in un ambito dalla stessa non inserito tra i 99 indicati in domanda.

Per ristabilire la legittimità violata  della procedura di trasferimento nell’interesse della predetta docente,   l’avv. Santina Franco, con ricorso    ex art. 414 c.p.c. e contestuale  domanda cautelare ai sensi dell’art. 700 c.p.c., ha chiesto, previa disapplicazione  del CCNL sulla  mobilità per l’a.s. 2016/2017 e del correlato decreto ministeriale, che venisse riconosciuto il  diritto della propria assistita   ad ottenere il trasferimento secondo l’ordine di preferenza indicato nella domanda, nel rispetto del diritto di precedenza di cui all’art. 13 contratto mobilità, in quanto coniuge di personale militare in servizio.

Tenuto conto dell’apparente fondatezza del ricorso e della sussistenza del periculum in mora, consistente nella necessità di evitare la disgregazione del nucleo familiare della ricorrente composto dalla stessa, dal marito e dai figli adolescenti, il Tribunale di Patti, sez. lavoro, nella persona del dott. Fabio Licata, nel novembre 2016  accoglieva la domanda cautelare  proposta, dichiarando “l’illegittimità dell’assegnazione della ricorrente all’ambito territoriale 0006 Toscana, tipologia di posto: comune”

Purtroppo però, il MIUR,  anche in fase di esecuzione del provvedimento cautelare,  ha posto una serie di ostacoli al trasferimento della docente nella provincia di Messina, adducendo quale unica motivazione l’inesistenza di posti per la fase C dei trasferimenti, nonostante il giudice avesse chiarito che   “ l’Amministrazione ha suddiviso i docenti in fasce e ha proceduto a trasferimenti totalmente avulsi dal criterio trasparente della meritocrazia e dei punteggi ed in violazione del principio dello scorrimento della graduatoria secondo l’ordine delle preferenze indicate dai candidati”.

Orbene, la sentenza di merito che conclude il primo grado di un giudizio durato appena dieci mesi e che tra l’altro dimostra che una giustizia rapida ed efficace è possibile anche in Italia,  chiarisce definitivamente la questione, imponendo all’amministrazione di riassegnare la ricorrente in altro ambito territoriale secondo l’ordine di preferenza indicato nella domanda, nel rispetto del diritto di precedenza di cui all’art. 13 del contratto sulla mobilità, secondo il criterio del merito, del rispetto del punteggio  e non delle fasi. Nella predetta sentenza inoltre, si riconosce il diritto della ricorrente ad ottenere in sede di mobilità il  punteggio per il servizio pre ruolo prestato, che non potrà più essere valutato al 50% bensì integralmente, al pari del servizio di ruolo, nonché il diritto al riconoscimento dell’anzianità di servizio maturata dal primo contratto di assunzione a termine e il  pagamento in favore della stessa delle differenze retributive dovute, con gli interessi legali sino al soddisfo e la rivalutazione monetaria.

L’accoglimento delle argomentazioni prospettate dal difensore della ricorrente ha determinato per il MIUR anche la pesante condanna al pagamento delle spese legali che a tal fine dovrà corrispondere l’importo di € 4.600,00 oltre il 15% per spese generali ed accessori di legge.

 Avv. Santina Franco

 

Cerca nel sito
News
Giurisprudenza scuola 2011 Dirigenti scolastici Responsabilità Riforma Gelmini Cessazione dal servizio Normativa scuola 2011 NEWS Normativa scuola 2016 Supplenze Giurisprudenza scuola 2016 Giurisprudenza scuola 2009 Graduatorie Procedimento disciplinare Normativa scuola 2010 Giurisprudenza scuola 2014 Sostegno Precariato Giurisprudenza scuola 2015 Giurisprudenza scuola 2012 CONTRIBUTI Permessi e assenze Procedimento amministrativo Retribuzione Mobilità Comportamento antisindacale Esame di Stato Giurisprudenza scuola 2017 Procedimento giurisdizionale Valutazione Sicurezza Normativa scuola 2009 Religione cattolica Incompatibilità Giurisprudenza scuola 2013 Bilancio Disabili Concorsi Normativa scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2010 Normativa scuola 2012 Assunzione Scrutini Organico Contratti Legge 104 TFA Contrattazione Normativa scuola 2013 Iscrizione Normativa scuola 2015
Governo Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Tribunale di Roma Avv. Giovanni Rinaldi Avv. Walter Miceli Avv. Maria Rosaria Altieri Anief Consiglio di Stato ATA Tar Sicilia Tar Molise Avv. Francesco Americo Avv. Elena Spina Corte di Cassazione Tar Toscana UIL Scuola Tar Campania Tar Puglia Corte dei Conti Avv. Giuseppe Versace MIUR FLC-CGIL Avv. Antonio De Crescenzo Parlamento Tribunale di Modica Tar Lazio Tribunale di Torino Katjuscia Pitino Avv. Giuseppe Policaro Giurisdizione CNPI Tribunale di Milano Sindacato SAB Cisl Scuola Gilda Unams Tar Calabria Avv. Marco Cini Funzione Pubblica Accesso Tribunale di Trani Leggi Tribunale di Brindisi Reiterazione contratti Avv. Francesco Orecchioni Corte Costituzionale Avv. Isetta Barsanti Mauceri INPS Avv. Angelo Tuozzo Tar Lombardia Tribunale di Napoli