Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

Il punteggio dei docenti della fase D non può prevalere rispetto a quello minore dei docenti della fase C.

Ancora una volta viene confermata la precedenza della FASE C rispetto alla FASE D per la quale l’Amministrazione ha sempre dichiarato l’assenza di qualsivoglia errore, in particolar modo nelle istituzioni scolastiche secondarie superiori.

Precedentemente, a riguardo, si era pure espresso il Tribunale di Como con ordinanza del 28.11.2016 a sua volta reclamata dal MIUR che chiedeva la tutela del competente Collegio, ma inutilmente.

Anche per il Collegio del Tribunale del Lavoro di Taranto composto dai Magistrati Dott. Raffaele Ciquera (Presidente), Dott. Lorenzo De Napoli (Relatore), Dott.ssa Elvira Palma non vi sono ulteriori dubbi.

Con ordinanza del 17.03.2017, emanata a seguito di reclamo proposto dall’Avv. Giovanni Bufano avverso l’ordinanza di rigetto ex art. 700 cpc, i Giudici taranti hanno accolto in toto le ragioni di una docente di A019 e hanno ribadito che l’art. 6 del CCNI 8.04.2016 prescrive che gli insegnanti partecipanti alla fase D possono proporre istanza di mobilità solo nei limiti dei posti vacanti e disponibili in ciascun ambito dopo le operazioni di cui alle fasi precedenti”.

Ne consegue che il posto attribuito ad una docente della fase D “doveva essere assegnato invece alla reclamante, e tanto in forza della precedenza, attribuita dalla citata norma collettiva, ai partecipanti alla fase C rispetto ai partecipanti alla successiva fase D, a prescindere dai rispettivi punteggi”.

Il Collegio del Tribunale di Taranto ha disposto, con urgenza, la riassegnazione della docente all’ambito ad essa spettante in Calabria in luogo di quella illegittimamente ottenuta nella provincia di Taranto.

Avv. Giovanni Bufano

Cerca nel sito
News
Normativa scuola 2012 Giurisprudenza scuola 2013 Normativa scuola 2015 Contrattazione Responsabilità Dirigenti scolastici Sostegno Sicurezza Riforma Gelmini Giurisprudenza scuola 2017 Incompatibilità Contratti Giurisprudenza scuola 2009 Legge 104 Scrutini Giurisprudenza scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2012 Valutazione Normativa scuola 2010 Normativa scuola 2011 Procedimento giurisdizionale Graduatorie Supplenze Normativa scuola 2014 Iscrizione Permessi e assenze Procedimento disciplinare Normativa scuola 2016 Cessazione dal servizio Normativa scuola 2013 Assunzione Concorsi Giurisprudenza scuola 2016 Mobilità Esame di Stato Organico Giurisprudenza scuola 2011 Retribuzione Giurisprudenza scuola 2010 Disabili NEWS CONTRIBUTI Giurisprudenza scuola 2015 Bilancio Procedimento amministrativo Comportamento antisindacale Precariato Religione cattolica TFA Normativa scuola 2009
Avv. Antonio De Crescenzo Katjuscia Pitino UIL Scuola Avv. Elena Spina Sindacato SAB Corte Costituzionale Tribunale di Trani Funzione Pubblica Reiterazione contratti Leggi Avv. Francesco Orecchioni Tribunale di Brindisi Tar Molise Giurisdizione Tar Lombardia INPS Consiglio di Stato Tar Calabria Tar Sicilia ATA Avv. Giuseppe Policaro Governo Tar Toscana Corte dei Conti Tar Lazio Tar Campania Anief Tribunale di Milano Avv. Maria Rosaria Altieri Avv. Isetta Barsanti Mauceri Avv. Francesco Americo Tar Puglia Tribunale di Napoli Tribunale di Torino Corte di Cassazione MIUR Tribunale di Modica FLC-CGIL Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Gilda Unams Tribunale di Roma Avv. Giuseppe Versace Avv. Giovanni Rinaldi Avv. Angelo Tuozzo Cisl Scuola Avv. Marco Cini CNPI Accesso Parlamento Avv. Walter Miceli