Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

 

Causa Agrati e altri contro l’Italia
Sentenza del 7 giugno 2011

 

Un nuovo capitolo nell’annosa vertenza del personale Ata.

Per la Corte Europea di Strasburgo, l’Italia è colpevole di violazione dei diritti dell’uomo, non avendo rispettato l’art. 6 della Convenzione, che prevede il diritto ad un equo processo.

Davvero una figuraccia dello stato italiano di fronte alla comunità internazionale.

Di seguito, alcuni passi della sentenza (il testo reperibile è in francese).
“La Corte ritiene che il fine invocato dal Governo italiano, vale a dire la necessità di colmare un vuoto giuridico ed eliminare le disparità di trattamento tra i dipendenti, mirava in realtà a preservare il solo interesse economico dello Stato” .

“Nessuno degli argomenti proposti dal Governo convince dunque la Corte della legittimità e proporzionalità dell’ingerenza. Pertanto, l’intervento legislativo che ha risolto definitivamente, in maniera retroattiva, la questione “NON ERA GIUSTIFICATO DA IMPERATIVI MOTIVI D’INTERESSE GENERALE”.

Bacchettate dunque sia alla Corte di Cassazione che alla Corte Costituzionale che – sulla base di tale motivazione -avevano ritenuto legittima la norma di “interpretazione autentica” con la quale lo Stato italiano era intervenuto per risolvere a proprio favore una vertenza riguardante migliaia di dipendenti Ata, vittoriosi nei vari gradi di giudizio.

Con una sentenza che aveva suscitato non poche perplessità, la Corte Costituzionale era arrivata ad equiparare il passaggio del personale Ata dagli EE.LL. allo Stato ad un evento epocale quale il crollo del muro di Berlino.

A migliaia di dipendenti sono state inviate richieste di restituzione di decine di migliaia di euro, oltre a un secco taglio della retribuzione.

C’è un Giudice a Berlino, o forse a Strasburgo.

( Avvocato Francesco Orecchioni)

Cerca nel sito
News
Permessi e assenze Procedimento disciplinare Riforma Gelmini Sostegno Procedimento giurisdizionale TFA Assunzione Procedimento amministrativo Mobilità Giurisprudenza scuola 2017 Retribuzione Normativa scuola 2009 Giurisprudenza scuola 2014 Religione cattolica Normativa scuola 2010 Dirigenti scolastici Bilancio Iscrizione Graduatorie Precariato Sicurezza Scrutini Valutazione Giurisprudenza scuola 2013 CONTRIBUTI Legge 104 Organico Contrattazione Giurisprudenza scuola 2011 Comportamento antisindacale Incompatibilità Normativa scuola 2011 Supplenze Giurisprudenza scuola 2015 Normativa scuola 2015 Normativa scuola 2013 Giurisprudenza scuola 2009 Esame di Stato Normativa scuola 2016 NEWS Concorsi Giurisprudenza scuola 2010 Disabili Giurisprudenza scuola 2016 Normativa scuola 2012 Responsabilità Cessazione dal servizio Giurisprudenza scuola 2012 Contratti Normativa scuola 2014
Avv. Marco Cini Avv. Luigi Giuseppe Papaleo Avv. Walter Miceli Reiterazione contratti Tribunale di Napoli Avv. Giuseppe Policaro Gilda Unams Tar Lazio Tribunale di Modica Consiglio di Stato Tar Sicilia Avv. Antonio De Crescenzo Avv. Giuseppe Versace Tribunale di Milano Leggi Tribunale di Torino Funzione Pubblica Anief Avv. Isetta Barsanti Mauceri Avv. Angelo Tuozzo Tar Campania ATA Avv. Maria Rosaria Altieri Accesso UIL Scuola Tar Puglia MIUR Avv. Francesco Americo Tribunale di Roma Corte dei Conti Giurisdizione Avv. Francesco Orecchioni Parlamento Tribunale di Trani Corte di Cassazione Sindacato SAB Tar Calabria Avv. Giovanni Rinaldi Avv. Elena Spina INPS Cisl Scuola Governo Tar Toscana FLC-CGIL Tar Lombardia Corte Costituzionale Tribunale di Brindisi CNPI Tar Molise Katjuscia Pitino