Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

In questi giorni è stata pubblicata una sentenza del Tribunale di Avezzano, con cui il Giudice del lavoro, dr. Giuseppe Giordano, ha condannato il Ministero dell’Istruzione ad annullare l’assegnazione della sede scolastica in due città del Nord a due docenti di scuole dell’infanzia residenti nella città di Avezzano (AQ). Le due giovani maestre, dopo l’assunzione con il piano straordinario della buona scuola, erano state assegnate l’una a Genova e l’altra a Venezia dalla procedura affidata al sistema informatico del MIUR (il famigerato algoritmo della mobilità nazionale). Gli avvocati della UIL scuola Salvatore Braghini e Renzo Lancia adivano il Tribunale avezzanese per sollevare l’illegittimità dei trasferimenti disposti dal Ministero in quanto asseritamente non rispettosi del punteggio posseduto dalle ricorrenti, ma determinati da un’errata lettura del dato normativo e, cioè, mediante l’attribuzione degli Ambiti sulla base del criterio prevalente dell’indicazione nella griglia delle preferenze contenuta nell’istanza di mobilità.

Il dr. Giordano ha convenuto con tale interpretazione , spiegando in sentenza che dalla lettura congiunta della legge sulla buona scuola e del CCNI sulla mobilità nel Comparto Scuola del 2016 si evince che l’espressione secondo cui “l’ordine di graduatoria degli aspiranti è determinato, per ciascuna delle preferenze, sulla base degli elementi di cui alla tabella di valutazione dei titoli allegata al presente contratto”, deve essere intesa nel senso che – poiché una parte del punteggio del docente varia a seconda dell’ambito indicato in preferenza – l’Amministrazione avrebbe dovuto individuare il corretto ambito sulla base del punteggio ad esso corrispondente e, sulla scorta di tale valutazione, formare le relative graduatorie per la mobilità.

Gli avvocati Braghini e Lancia hanno quindi, potuto informare le docenti che sono state destinate all’Ambito loro spettante in base al punteggio più alto, ossia  Chieti e Tivoli.

Avezzano, 5 luglio 2017

Avv. Salvatore Braghini

Responsabile Ufficio legale – UIL Scuola – Avezzano

Cerca nel sito
News
Sostegno Iscrizione Procedimento amministrativo Giurisprudenza scuola 2009 Normativa scuola 2013 Incompatibilità Normativa scuola 2012 Contratti Normativa scuola 2009 Dirigenti scolastici Scrutini Valutazione Normativa scuola 2011 Normativa scuola 2014 Giurisprudenza scuola 2015 Giurisprudenza scuola 2013 Mobilità Normativa scuola 2010 Esame di Stato Giurisprudenza scuola 2010 Giurisprudenza scuola 2011 CONTRIBUTI Assunzione Permessi e assenze Riforma Gelmini Giurisprudenza scuola 2014 Legge 104 Contrattazione Disabili Concorsi Sicurezza NEWS TFA Comportamento antisindacale Supplenze Normativa scuola 2016 Normativa scuola 2015 Retribuzione Precariato Responsabilità Giurisprudenza scuola 2016 Graduatorie Giurisprudenza scuola 2012 Organico Procedimento disciplinare Cessazione dal servizio Bilancio Religione cattolica Giurisprudenza scuola 2017 Procedimento giurisdizionale
Accesso Corte Costituzionale Tribunale di Milano Tribunale di Potenza Katjuscia Pitino Gilda Unams MIUR Avv. Antonio De Crescenzo Tar Sicilia Avv. Francesco Orecchioni Tribunale di Napoli Avv. Giovanni Rinaldi ATA Avv. Isetta Barsanti Mauceri Governo Anief Cisl Scuola Tribunale di Brindisi Leggi Avv. Walter Miceli Giurisdizione Avv. Francesco Americo Tar Campania Corte di Cassazione Reiterazione contratti Avv. Giuseppe Versace Tar Lombardia Avv. Luigi Giuseppe Papaleo UIL Scuola Tar Puglia Tar Lazio Ministero del Lavoro Tribunale di Torino Avv. Marco Cini Sindacato SAB CNPI INPS Tar Calabria Avv. Angelo Tuozzo Corte dei Conti Tar Molise Tribunale di Modica Avv. Elena Spina Funzione Pubblica Avv. Giuseppe Policaro Consiglio di Stato Parlamento FLC-CGIL Tar Toscana Tribunale di Trani