Giustizia e Diritti dal Pianeta Scuola

COMUNICATO STAMPA

L’Anief ottiene due nuove vittorie in tribunale per il riconoscimento del diritto all’attribuzione del punteggio per il servizio svolto su scuola paritaria ai fini dei trasferimenti. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “La disparità di trattamento tra servizio svolto su scuola statale e servizio svolto su scuola paritaria, presente all’interno del CCNI mobilità, non ha motivo di esistere e sempre più tribunali ci stanno dando ragione. Porteremo la questione ai prossimi tavoli contrattuali per risolvere ab origine questa e altre problematiche che da anni abbiamo rilevato”. Ancora attive le adesioni ai ricorsi Anief contro la procedura di Mobilità per quanti hanno dichiarato il servizio e i titoli oggetto del ricorso nella domanda di trasferimento. 

 

Su ricorsi patrocinati dagli Avvocati Anief Fabio Ganci, Walter Miceli e Simona Rotundo, presso il Tribunale di Pistoia e Ida Mendicino e Donatella Longo, presso il Tribunale del Lavoro di Cosenza, i giudici hanno ritenuto legittima la richiesta di valutazione del servizio svolto su scuola paritaria ai fini della mobilità. L’art. 2, c. 2, del D.L. 03/07/2001, n. 255 (convertito nella legge n.333 del 2001), infatti, ha “espressamente preso atto della suddetta equiparazione tra i servizi d’insegnamento statali e i servizi d’insegnamento paritari, disponendo che siano valutati nella stessa misura, e non vi sarebbe ragione alcuna per limitare l’efficacia della suddetta disposizione legislativa, eventualmente applicabile, anche in via analogica, alla formazione delle graduatorie per l’assunzione del personale docente statale per pervenire, invece, all’opposta soluzione in sede di mobilità del medesimo personale (come, di fatto, accadrebbe alla ricorrente, stante la constatata previsione del CCNI per la mobilità del personale docente) e di ricostruzione di carriera”.

Il Tribunale del Lavoro di Pistoia, ad esempio, rifacendosi anche alla favorevole giurisprudenza ottenuta dai nostri legali in altri tribunali, sottolinea il diritto della ricorrente alla valutazione del servizio preruolo prestato presso gli istituti paritari rilevando come “la C.M. n. 163/2000 ha preteso che, al fine di ottenere la parità, gli istituti scolastici privati debbano: dichiarare che il personale docente è munito di titolo di studio abilitante ovvero di specifica abilitazione e, altresì, dichiarare che il rapporto di lavoro individuale per tutto il personale della scuola è conforme ai contratti collettivi di settore, cosi pervenendo ad una piena omogeneità tra il servizio d’insegnamento svolto nelle scuole statali e quello alle dipendenze degli istituti privati paritari”. In conclusione di ciò “non possono residuare dubbi circa l’illegittimità, con riguardo alle molteplici disposizioni normative sopra richiamate in materia di parità scolastica, della contestata disposizione del CCNI per la mobilità del personale docente che esclude qualsiasi attribuzione di punteggio, in sede di mobilità, per il servizio d’insegnamento svolto negli istituti paritari”. Per questo motivo i due tribunali hanno accolto i ricorsi Anief e condannato il Ministero ad attribuire alle docenti il punteggio richiesto ai fini dei trasferimenti.

“La disparità di trattamento tra servizio svolto su scuola statale e servizio svolto su scuola paritaria, presente all’interno del CCNI sulla mobilità – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – non ha motivo di esistere stante una normativa primaria chiara ed esplicita sul punto. Ancora adesso sono presenti, nel CCNI sulla procedura di mobilità, varie problematiche che penalizzano i lavoratori della scuola come la valutazione solo parziale del servizio preruolo per le graduatorie interne d’istituto o il mancato computo degli anni di precariato per il raggiungimento del quinquennio di permanenza sul sostegno. Risulta necessario rimodulare diversi parametri della contrattazione integrativa sui trasferimenti. L’Anief – conclude Marcello Pacifico – si impegnerà a sanare queste illegittimità direttamente ai prossimi tavoli contrattuali facendosi, come sempre, portavoce dei diritti dei lavoratori”. L’Anief ricorda che ha attivato una serie di ricorsi volti alla tutela e al rispetto dei diritti dei lavoratori della scuola nelle procedure di mobilità, purtroppo, e ancora una volta, violati con il CCNI 2018.

19 giugno 2018                                                                                                            Ufficio Stampa Anief

Cerca nel sito
News
Permessi e assenze Giurisprudenza scuola 2018 Disabili Precariato Esame di Stato Contrattazione Supplenze Giurisprudenza scuola 2010 Concorsi Contratti Giurisprudenza scuola 2015 Riforma Gelmini Responsabilità Giurisprudenza scuola 2013 Normativa scuola 2012 Procedimento disciplinare Comportamento antisindacale Giurisprudenza scuola 2011 Graduatorie Giurisprudenza scuola 2017 Orario Religione cattolica Scrutini Mobilità Sostegno Procedimento amministrativo Valutazione Giurisprudenza scuola 2009 Iscrizione Giurisprudenza scuola 2014 NEWS Giurisprudenza scuola 2012 Cessazione dal servizio Retribuzione Normativa scuola 2014 TFA Giurisprudenza scuola 2016 Normativa scuola 2015 CONTRIBUTI Legge 104 Normativa scuola 2011 Normativa scuola 2010 Normativa scuola 2013 Sicurezza Organico Normativa scuola 2009 Incompatibilità Dirigenti scolastici Assunzione Procedimento giurisdizionale
CNPI Tar Sicilia Reiterazione contratti Consiglio di Stato Katjuscia Pitino FLC-CGIL Tar Lombardia Sindacato SAB Tar Campania Avv. Maria Rosaria Altieri Corte di Cassazione Parlamento Avv. Pietro Siviglia Avv. Luigi Giuseppe Papaleo UIL Scuola Tribunale di Roma Avv. Giuseppe Policaro Anief Tribunale di Napoli Corte dei Conti Avv. Elena Spina Tar Toscana Funzione Pubblica ATA Leggi Avv. Isetta Barsanti Mauceri Tribunale di Milano Cisl Scuola MIUR Giurisdizione Tribunale di Brindisi Avv. Giuseppe Versace Tribunale di Trani Avv. Marco Cini INPS Avv. Giovanni Rinaldi Tribunale di Modica Tar Molise Avv. Francesco Americo Avv. Angelo Tuozzo Accesso Corte Costituzionale Tar Puglia Avv. Francesco Orecchioni Gilda Unams Governo Tribunale di Lecce Tar Lazio Tar Calabria Tribunale di Torino